Hiver: storie di macramè 16

(For my macrame friends: the english version is below)

Hiver è un piccolo/medio arazzo (largo 30 cm x lungo 60 cm) creato durante il solstizio di inverno dopo una pratica corporea e di meditazione. La connessione con il corpo è il rituale di inizio che utilizzo sempre prima di creare i progetti decorativi e simbolici in macramè.

Ho giocato con i colori dei fili e con le lunghezze delle corde per ricordare la lunghezza delle giornate e le ore di luce e di buio durante la stagione invernale. (Hiver significa inverno in francese).

Lavorare consapevolmente con la ciclicità delle stagioni significa entrare in contatto profondo con la natura che ci circonda scegliendo, per quanto possibile, i ritmi della terra al posto dei ritmi della “produttività”.

“Scegliendo, per quanto possibile, i ritmi della terra al posto dei ritmi della produttività”  lo ripeto perché voglio che tu possa comprendere che non ti sto dicendo di andare in letargo e di svegliarti a primavera, ma voglio che tu possa prendere in considerazione di trovare un momento settimanale o quotidiano per accogliere la stagione in cui ti trovi.

L’inverno è la stagione in cui il protagonista è il seme. Se l’inverno avesse un messaggio per il corpo io credo che sarebbe “Fermati e ascolta”.

https://barbaraboschi.blog/2021/12/21/linverno-nel-corpo/

The english version for my macramè friends

Hiver is a small/medium wall hanging (30cm wide x 60cm long) that I created during the winter solstice after a body and meditation practice. The connection with the body is the beginning ritual that I always use before creating decorative and symbolic macramè projects.

I played with the colors of the cotton threads and the lengths of the ropes to remember the length of the days and the hours of light and dark during the winter season. (Hiver means winter in french).

Being aware of the cycle of the seasons means coming into deep contact with the nature that surrounds us, choosing, as far as possible, the rhythms of the earth instead of the rhythms of “productivity”.

“Choosing, as far as possible, the rhythms of the earth over the rhythms of productivity” I repeat it because I want you to understand that I am not telling you to go into hibernation and wake up in spring, but I want you to consider finding a weekly or daily moment to welcome the season you are in.

Winter is the season in which the protagonist is the seed. If winter had a message for the body I think it would be “Stop and listen”.

https://barbaraboschi.blog/2021/12/21/linverno-nel-corpo/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...